Area Riservata Caf Acli
Iscriviti e accedi ai servizi personalizzati che ti aiuteranno a gestire al meglio la tua posizione fiscale e previdenziale.
E-Mail:
Password:
Iscriviti
Oppure registrati se non sei ancora un utente myCAF
News
20/06/2018

Il comodato in forma verbale non preclude l'Ecobonus

Via libera all’Ecobonus per chi effettua lavori finalizzati al risparmio energetico su un immobile in comodato d’uso anche se il contratto non è registrato. A sentenziarlo è stata la Commissione Tributaria regionale dell’Emilia Romagna. Al centro della questione c’è un intervento di riqualificazione energetica realizzato sull’immobile di proprietà dei suoceri del comodatario, che detenendo appunto l’immobile sulla base di un accordo verbale aveva poi fatto domanda per ottenere la detrazione fiscale del 65%, salvo poi vedersela respingere dall’Agenzia delle Entrate.

L’amministrazione, infatti, aveva addotto come ragione ostativa all’applicazione del bonus la mancanza di un contratto registrato d’uso gratuito. Tale assenza, secondo l’AdE, rendeva impossibile poter determinare con certezza chi avesse diritto al bonus. Non potendo quindi risalire al momento preciso in cui era iniziato il comodato, cioè – in sostanza – non potendo stabilire se il comodato fosse iniziato prima o dopo l’effettuazione dei lavori, l’Agenzia decideva per il diniego della detrazione a favore del comodatario.

Per tutta risposta, dopo il ricorso del cittadino, la CTR dell’Emilia Romagna ha invece osservato che la data di registrazione del contratto di comodato era richiesta solo nella comunicazione preventiva da inviare al Centro Operativo di Pescara ai fini del Bonus ristrutturazioni; comunicazione, però, la cui obbligatorietà ha cessato di essere valida a partire dal 15 maggio 2011.

Per di più la stessa Agenzia delle Entrate, quando nelle sue guide fiscali sulle agevolazioni 50-65% spiega che il comodatario è tra i soggetti che possono usufruire della detrazione, non precisa mai che il contratto di comodato debba essere stipulato in forma scritta, né indica, di conseguenza, l’obbligo di registrazione.

È però altrettanto vero che l’Agenzia, in una Circolare del 2015 (per l'esattezza la 26/E, al punto 15) spiegava chiaramente che in caso di comodato d'uso gratuito, “se i lavori sono effettuati dal conduttore o comodatario, nel modello devono essere indicati, oltre ai dati catastali identificativi dell’immobile anche gli estremi di registrazione del contratto di locazione o di comodato”. Oltretutto veniva indicato che il “Caf/professionista è tenuto al controllo del contratto e della relativa registrazione”. Ciò dimostra quindi l’orientamento deciso da parte dell’amministrazione nel pretendere la prova tangibile dell’esistenza di un contratto di comodato laddove fosse il comodatario (o presunto tale) a richiedere la detrazione nel 730.

D'altro canto, come ha fatto presente la CTR dell’Emilia Romagna, non esiste nessuna norma che imponga la registrazione del contratto di comodato d’uso per usufruire delle detrazioni, ma solo una prassi adottata dall’Agenzia delle Entrate che però non dev’essere considerata vincolante. Il che equivale sostanzialmente a dire: quello che sostiene l’AdE non è assodato che sia vangelo.

In ogni caso, appellandosi stvolta al buon senso più che ai commi di legge, va anche detto che poter contare su un contratto scritto anziché su un accordo verbale costituirebbe indubbiamente la proverbiale “pezza d’appoggio” a favore del soggetto comodatario, laddove, come nel caso in esame, l’atteggiamento dell’amministrazione si dimostrasse troppo restrittivo; quindi nel dubbio - onde evitare problemi futuri - la scelta più saggia dovrebbe comunque far propendere per una registrazione scritta del contratto, il che metterebbe a tacere qualunque dubbio.

Luca Napolitano

Ti ricordiamo che puoi usufruire della nostra consulenza fiscale contattando la sede CAF ACLI più vicina, prenotando un appuntamento online, oppure registrandoti al sito Il730.Online.

Torna alla ricerca

Scadenze fiscali

2017 2018
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic
Convocazioni
Lo sapevi che...