Area Riservata Caf Acli
Iscriviti e accedi ai servizi personalizzati che ti aiuteranno a gestire al meglio la tua posizione fiscale e previdenziale.
E-Mail:
Password:
Iscriviti
Oppure registrati se non sei ancora un utente myCAF
News
13/03/2017

Bonus ristrutturazioni ad ampio raggio sui lavori antisismici

Prorogato sì, rafforzato anche. L’ambitissimo (e popolarissimo) bonus al 50% sulle spese di ristrutturazione edilizia è stato non solo prolungato fino al 31 dicembre 2017 per effetto dell’ultima Legge di Bilancio (ex Legge di Stabilità) ma anche potenziato – sotto certi aspetti – rispetto allo scorso anno. Tutte le conferme, assieme alle novità, sono adesso riassunte nella nuova guida fiscale che l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul suo sito, vera “bibbia” di riferimento (aggiornata a febbraio 2017) per chiunque avesse in programma di aprire la porta di casa agli operai. Anzitutto, come si è detto, viene assicurata per un altro anno la possibilità di detrarre al 50% (ex 36%), con le medesime regole applicate sinora, le spese effettuate per interventi di ristrutturazione, manutenzione straordinaria (o anche ordinaria se si tratta di lavori condominiali), restauro e/o risanamento conservativo.

Per “medesime regole” vanno intese quelle classiche relative al tetto di spesa pari a 96.000 euro, alla cadenza decennale della detrazione (suddivisa appunto in 10 rate annuali di pari importo) e infine al pagamento tramite bonifico parlante, anche se in questo caso la compilazione non corretta del bonifico non dovrebbe più rappresentare un ostacolo ai fini del riconoscimento del bonus, a patto che sia “controbilanciata” (si veda anche la Circolare 43/E del 2016), da una dichiarazione sostitutiva da parte della ditta con cui si certifichi l’inclusione dell’importo in contabilità ai fini della concorrenza alla determinazione del reddito d’impresa. Oltretutto, nella nuova versione della guida, l’Agenzia specifica che “sono validi, ai fini della detrazione, anche i bonifici effettuati tramite conti aperti presso gli Istituti di pagamento, cioè le imprese, diverse dalle banche, autorizzate dalla Banca d’Italia a prestare servizi di pagamento. Tuttavia, ricorda la risoluzione 9/2017, per usufruire dell’agevolazione è necessario che l’istituto, in qualità di sostituto d’imposta, versi la ritenuta d’acconto, la certifichi attraverso il modello Cu (certificazione unica) e trasmetta il modello 770”.

Altra novità sulla prassi applicativa del bonus è quella che include i conviventi more uxorio, nonché i componenti di un’unione civile. Con quest’apertura l’amministrazione ha in pratica recepito (vedasi anche quanto chiarito sulle istruzioni del 730/2017 circa l’opzione della dichiarazionecongiunta) le nuove disposizioni della cosiddetta Legge Cirinnà 76/2016 sulla regolamentazione delle unioni civili. Si ricorderà che in precedenza la possibilità di far detrarre la spesa di ristrutturazione al “familiare convivente” era destinata al solo coniuge, o comunque ai familiari veri e propri (padri, figli, fratelli, sorelle), che risiedessero con il titolare dell’appartamento e che avessero ovviamente sostenuto la spesa medesima. Adesso invece, al di là del mero legame familiare, per “convivente” viene appunto inteso anche il partner non coniugato con cui si condivide l’appartamento, ivi compreso il compagno o la compagna con cui ci si è uniti civilmente, facendo seguito all’equiparazione normativa fra matrimonio e unioni civili della 76/2016.

Cambia infine la misura della detrazione sugli interventi antisismici, che in linea generale si abbassa dal 65 al 50%, calcolata sempre su una spesa complessiva di 96.000 euro per unità immobiliare (per ciascun anno), con una ripartizione però più favorevole dal momento che potrà essere suddivisa in cinque quote annuali di pari importo anziché in dieci, come previsto per le altre tipologie di intervento. Nello specifico, poi, qualora la realizzazione dell’intervento dovesse portare a una riduzione del pericolo sismico tale da determinare il passaggio di una o due classi inferiori di rischio, nel primo caso si potrà usufruire di una detrazione potenziata al 70% della spesa sostenuta (che diventerebbe del 75% per i lavori sulle parti comuni degli edifici condominiali), mentre nel secondo caso la detrazione salirebbe addirittura all’80% (incrementata all’85 per gli interventi condominiali).

Ampliate anche la platea e l’ubicazione dei fabbricati soggetti a detrazione. Se prima, in effetti, il beneficio antisismico era rivolto alle sole abitazioni principali, adesso vengono inclusi tutti gli immobili di tipo abitativo, oltre che quelli utilizzati per lo svolgimento di attività agricole, professionali, produttive di beni e servizi, commerciali o non commerciali. Quanto invece all’ubicazione, fino allo scorso anno erano interessati solo gli edifici nelle zone sismiche ad alta pericolosità (cioè zone 1 e 2), mentre la Legge di Bilancio 2017 ha allargato il raggio applicativo del bonus anche alle zone di minor rischio (zona 3).

Luca Napolitano

Torna alla ricerca

Scadenze fiscali

2017 2018
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic
Convocazioni
Lo sapevi che...
 
Social Network
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Ti piace? Dillo
con Facebook
Diffondi su
Twitter
Fai +1 con
Google Plus
Condividi su
LinkedIn
loading
loading
loading
loading
loading
loading